Sostegno a distanza

Sostegno a distanza

Dal 1990 Movimento Sviluppo e Pace propone il sostegno di bambini e studenti poveri dei Paesi in via di sviluppo. Si tratta di prendersi cura in modo non occasionale di un bambino per farlo vivere e studiare in condizioni accettabili, senza sradicarlo dal proprio Paese di origine.

Tutti possono sostenere a distanza un bambino dei PVS tramite MSP: persone singole, famiglie, circoli ricreativi, gruppi di amici, scolaresche, coppie di sposi o fidanzati, Enti e società.

Grazie al vostro sostegno, ci prendiamo cura  in modo particolare di bambini chi vivono in situazioni molto disagiate: orfani di genitori morti per guerre o malattie, handicappati, bambini ammalati, giovani rimasti senza famiglia, studenti poveri. Vengono scelti per questo tipo di interventi sia bambini che vivono in famiglia, sia bambini che sono ospiti di Enti, la cui serietà è garantita da Movimento Sviluppo e Pace.

A quanti aderiscono ai nostri programmi di adozione a distanza, MSP comunica sempre il nome del bambino o studente sostenuto con una breve descrizione della sua situazione personale e famigliare e – se richiesto – il suo indirizzo (quando è possibile) o quello dell’Ente presso cui è ospite, in modo che ci possa essere uno scambio di informazioni costruttivo per entrambi (fermo restando i problemi della lingua). Creando un legame di corrispondenza con la famiglia italiana, si realizza un’importante azione educativa, soprattutto nel caso in cui la famiglia sostenitrice abbia bambini coetanei del minore sostenuto a distanza.

Il programma non ha una durata fissa: allo scadere di ogni anno vi verrà ricordato l’impegno preso e sarà così possibile proseguire il sostegno seguendo di anno in anno la crescita del bambino.

I contatti con le famiglie dei bambini adottati o con gli Enti che nei PVS li ospitano vengono tenuti direttamente dai responsabili di MSP, cui ci si può rivolgere sia per avere maggiori informazioni sul sostegno a distanza, sia per versare le rispettive quote.

MSP al momento conta programmi di sostegno a distanza nei seguenti Paesi: Burkina Faso, Camerun, Capo Verde, Congo-Brazzaville, Libano, Brasile, Perù e Argentina.

‹‹Noi adulti commettiamo molti errori e molte omissioni, ma l’abbandonare i bambini e i ragazzi, dimenticando che essi sono la fonte della vita, è il nostro peggior crimine. Moltissime delle cose di cui diciamo di aver bisogno… possono aspettare!

I bambini e i ragazzi invece non possono aspettare! In ogni istante, le loro ossa si stanno formando, il loro sangue si sta producendo, i loro sentimenti si stanno sviluppando… Ad essi non possiamo rispondere: “Domani…”. Il loro nome è: “OGGI!”.›› [Gabriela Mistral, Premio Nobel per la letteratura]